Nel febbraio 2014, quando Facebook ha annunciato l’intenzione di acquisirla per 19 miliardi di dollari, WhatsApp vantava 465 milioni di utenti attivi al mese (rispetto all’1,2 miliardi di Facebook). Con il senno di poi, pare che Facebook ci abbia visto lungo, considerando che attualmente la base utenti di WhatsApp è più che triplicata da allora. 

Oggi, il servizio di messaggistica più popolare al mondo, mette in contatto più di 1,6 miliardi di persone, che inviano l’incredibile numero di 65 miliardi di messaggi al giorno. 1,6 miliardi di utenti di WhatsApp distribuiti in 180 dei 193 paesi del mondo. 

Inoltre, a partire da gennaio 2019, l’app è leader in 133 paesi del mondo – e il resto delle statistiche di WhatsApp non è meno impressionante -. Nessun’altra applicazione social e di messaggistica ha una portata paragonabile.

Ma procediamo con ordine.

Pare opportuno analizzare il ruolo che la messaggistica ricopre in due contesti: la vita di tutti i giorni delle persone ed il mondo degli affari (business).

  • Il 73% degli intervistati del 2018 riferisce di aver aperto ogni singolo messaggio di testo ricevuto;
  • Il 62% ha dichiarato di controllare il proprio smartphone immediatamente al risveglio mentre il 79% lo controlla entro 15 minuti dal risveglio;
  • La “dark social sharing”, cioè la condivisione attraverso canali privati come le app di messaggistica e le e-mail, occupa una percentuale significativa. Dal momento però che tale fenomeno è difficile da rintracciare, le statistiche sono difficili da ottenere e, quelle presenti, differiscono notevolmente tra loro. Tuttavia, a prescindere dalla mancanza di statistiche, è importante riconoscere che molti contenuti sono condivisi su canali privati.
  • Il 90% dei clienti intervistati preferisce essere contattato dalle aziende tramite messaggi anziché tramite chiamate telefoniche;
  • Il 66% dei consumatori preferisce contattare o essere contattato dai brand tramite messaggi e l’85% desidera che la comunicazione tramite messaggi con il brand sia una conversazione bidirezionale.
  • Il 67% degli utenti di app di messaggistica che già inviano messaggi con le aziende si aspettano di inviare messaggi con le aziende nei prossimi anni; il 53% di loro ha maggiori probabilità di scegliere e fare acquisti con le aziende se la messaggistica diretta è disponibile;
  • Gli SMS hanno un tasso di risposta superiore del 209% rispetto alle chiamate, alle e-mail o a Facebook.

Dall’uscita di WhatsApp Business App e successivamente di WhatsApp Business API (di cui abbiamo già scritto qui), l’app di messaggistica si è trasformata in uno dei principali canali di marketing ed è in continua crescita.

Ma su che basi affermiamo che WhatsApp sia davvero il modo migliore per interagire con i clienti?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo prendere in considerazione diversi fattori: cerchiamo di annoverarli tutti!

UTILIZZO DEGLI SMARTPHONE E QUALITÀ DELLE CONNESSIONI

Sappiamo bene che solo gli utenti di smartphone possono godere dei vantaggi delle applicazioni di messaggistica. Quindi, prima di concentrarci su WhatsApp in particolare, diamo un’occhiata alla panoramica globale sull’uso di Internet mobile/dati e sull’adozione dello smartphone.

Il rapporto Mobile Economy 2019 prevede che l’adozione di smartphone crescerà in tutte le regioni del mondo. Tale diffusione passerà dal 60% del 2018 al 79% nel 2025.

Esaminando la previsione regione per regione, l’adozione sarà molto più significativa – giustamente – nelle economie in via di sviluppo poiché in territori come l’Europa e il Nord America gli smartphone sono già utilizzati dalla maggior parte della popolazione.

Inoltre, secondo lo stesso rapporto, entro il 2025, quattro delle cinque connessioni mobili saranno tramite smartphone.

E, come se non bastasse, il rapporto prevede che l’utilizzo dei dati su mobile crescerà di cinque volte entro il 2024.

UTILIZZO DEL MOBILE

Secondo l’indagine GlobalWebIndex 2018, il tempo che trascorriamo utilizzando internet su mobile è praticamente raddoppiato dal 2014, e pensate che è solo la metà (quasi) del tempo totale speso online! Abbiamo, quindi, tutti i motivi per credere che nei prossimi anni il tempo speso su internet tramite mobile potrebbe superare il desktop.

Un altro dato utile da considerare sono le ore complessive (non solo le ore di internet) che i consumatori hanno trascorso sul proprio smartphone nel 2018 ed è innegabile che gli questi ultimi siano ormai diventati sempre più diffusi e indispensabili nella nostra quotidianità.

Quindi, man mano che l’adozione degli smartphone cresce e la copertura dati mobile migliora, le applicazioni di messaggistica come WhatsApp sono destinate ad attrarre un pubblico sempre più vasto. Esse, infatti, stanno consolidando in maniera incontrastata il loro status di strumento più diretto in assoluto per contattare i consumatori.

DOWNLOAD DELLE APP E UTENTI ATTIVI

Una parte significativa delle ore che dedichiamo all’utilizzo dello smartphone appartiene alle applicazioni social e di comunicazione.

Esaminando il tempo complessivo che le popolazioni dedicano a queste app per paese in un periodo di due anni, osserviamo che il tempo sta crescendo in modo significativo sia nelle economie emergenti che in quelle mature.

Arrivati a questo punto ci chiediamo: come si sta comportando WhatsApp nel mare magnum di applicazioni social e di messaggistica oggi disponibili sul mercato?

Le ultime statistiche suggeriscono che l’app è leader in molti paesi e la sua crescita non mostra segni di rallentamento. 

Nella classifica dei download di app su scala globale, Facebook Messenger sembra avere il sopravvento su WhatsApp, ma se la partita si gioca sul numero globale di utenti attivi, Whatsapp vince su tutte!

Il maggior numero di download per Facebook Messenger può derivare dal fatto che la maggior parte delle persone che scaricano l’app di Facebook scaricano di conseguenza anche Messenger, ma ciò non vuol dire che la usino come applicazione di messaggistica predefinita. Infatti, dando uno sguardo ai dati raccolti nello scorso dicembre 2018, WhatsApp con i suoi 1,5 miliardi di utenti attivi ha sbaragliato tutti suoi diretti concorrenti.

Se hai ancora dubbi che WhatsApp abbia la possibilità di competere con YouTube o Facebook, guarda i dati utente attivi da aprile 2019:

TEMPO PER SESSIONE

WhatsApp prende il comando in più paesi anche confrontando tutte le applicazioni social e di messaggistica per la durata media delle sessioni mensili per utente.

L’utilizzo di WhatsApp domina in Brasile, Canada, India, Regno Unito e Germania, e anche se non domina in ogni singolo mercato, a livello globale, batte qualsiasi altra app in termini di tempo totale di sessione. 

CRESCITA E PRESTAZIONI

Quando si guardano le statistiche su WhatsApp è bene tenere a mente alcune cose:

  • la statistica probabilmente mostra mercati selezionati;
  • l’adozione degli smartphone varia molto da paese a paese;
  • ci sono enormi differenze nelle dimensioni della popolazione.

Nel giro di pochissimi anni, quindi, le cose potrebbero essere cambiate, anche solo leggermente.

Ad esempio, nel grafico che segue è stata esaminata la penetrazione di WhatsApp sulla base del numero di utenti di smartphone, non dall’intera popolazione dei paesi coinvolti.

CONCLUSIONI

Dall’unione di tutte queste variabili possiamo facilmente evincere la sempre più crescente popolarità di WhatsApp che ha ormai iniziato a trasformare il proprio servizio in qualcosa di più di un’applicazione di messaggistica. Dopo aver testato la fedeltà dei propri utenti attraverso l’introduzione degli Status e di Whatsapp Business, è chiaro che la sua natura non la rende estranea al marketing conversazionale. Ma anche questo argomento merita un dovuto approfondimento, che ci riserviamo di fare in futuro. Nel frattempo, se non ti piace attendere, contattaci qui.